Genova (askanews) - "Quello che il governo ha fatto è tutto a favore dei risparmiatori e di coloro i quali hanno perso i soldi. Altra cosa è ciò che c'è da fare in futuro: noi siamo a favore di una commissione di inchiesta parlamentare ma siamo anche a favore, se serve, di un rafforzamento delle normative che renda più specificamente punibili anche coloro i quali lavorando in banca vendono dei titoli a persone che non hanno la piena consapevolezza di quello che comprano". Lo ha detto il ministro degli Interni, Angelino Alfano, parlando con i giornalisti a margine della presentazione del suo libro "Chi ha paura non è libero" questa sera a Genova."Nessuno - ha sottolineato Alfano - può sentirsi impunito, non c'è un funzionario o un dipendente di banca che può dire di aver rifilato quel titolo ad altissimo rischio al suo cliente perché glielo hanno ordinato dal vertice. Ciascuno risponde in proprio e noi siamo convinti che non ci possa essere un senso di impunità da parte dei banchieri"."I banchieri - ha concluso il ministro - non possono sentirsi titolari di una particolare immunità e se a livello politico e governativo lo riterremo necessario siamo pronti anche arafforzare la normativa penale attuale a tutela dei risparmiatori".