Milano (askanews) - Un nuovo album, un progetto discografico da produttore, un tour di oltre 40 date. Alborosie, stella italiana del reggae internazionale che da anni ha fatto della Giamaica la sua casa, è tornato in Italia carico di progetti e idee. A partire dal suo nuovo album "Freedom&Fyah", ricco di collaborazioni con artisti della scena reaggae internazionale da Protoje a Ky-Mani Marley, figlio di Bob Marley. Progetto a cui è seguito "The rockers", un concept album, spiega Alborosie, in cui lui veste il ruolo di produttore artistico per "amici e colleghi" come Jovanotti, Fedez, Elisa, 99 posse, Caparezza e Giuliano Sangiorgi protagonista del primo singolo estratto, "A piedi scalzi", che parla del valore della diversità: "E' una canzone molto sociale, parla delle problematiche di oggi che sono tante e importanti; i proventi del brano sono devoluti all'associazione umanitaria che fa un lavoro come Amnesty international e si occupa dei carcerati in Kingstone e dei minori"

Alborosie fa dell'attenzione agli altri, un punto saldo della sua carriera ventennale: "Non sono nato come artista che fa musica come vorrebbero le major discografiche solo per fare i soldi, ma io faccio musica perché, essendo una artista e abitando in un paese come la Giamaica, vedendo così tanta sofferenza e problematiche la mia musica deve servire ad aiutare un certo numero di persone".

Un'idea che condivide col suo pubblico in tutto il mondo. "Il mio pubblico è un popolo, un popolo dal Sudamerica agli Stati Uniti, all'Europa, all'Italia, è come se tutti seguissero un certo movimento, c'è un impronta ben precisa"