Milano, (askanews) - "Stiamo pensando a Palazzo Italia, l'albero della Vita e il padiglione zero. Gli elementi di attrattività per il pubblico potrebbero essere questi".Il dopo-Expo comincia a prendere forma. Il commissario unico, Giuseppe Sala, annuncia che le icone più importanti di questa esposizione universale resteranno sul sito espositivo di Rho dove il 31 ottobre l'Expo dedicata al cibo e all'alimentazione chiuderà i battenti. Certo prima di poterle riammirare, soprattutto gli spettacoli dell'Albero della vita occorrerà aspettare dei mesi, necessari a smontare il resto dei padiglioni. Tramontano dunque le ipotesi di ricollocare altrove l'Albero della vita che ha animato il sito espositivo con 1.260 spettacoli in sei mesi."Quest'albero non verrà proprio ricollocato perchè ci dicono che smontarlo è complesso. Ci sono trattative per nuovi alberi all'estero ma questo rimarrà qua. Troppo costoso".Per l'Expo invece nessuna possiblità di proroga: "Sarei il primo a volerlo prolungare - ha detto Sala - ma è tecnicamente impossibile".