Rimini, (askanews) - Settant'anni fa l'Italia si è costituita "grazie al compromesso virtuoso tra culture diverse: la cattolica, la social-comunista e la liberale". Ritrovare le ragioni di un "impegno condiviso è quanto mai importante", nel momento in cui "soprattutto in politica, prevalgono scontro e delegittimazione continui". L'edizione numero 37 del Meeting per l'amicizia fra i popoli a Rimini comincia con questo auspicio.

E a tenere a battesimo questo nuovo impegno di Comunione e Liberazione, è il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha inaugurato per l'occasione la mostra "L'incontro con l'altro: genio della Repubblica 1946-2016", un viaggio con i filmati di Rai Teche e i documenti della Camera, per dimostrare l'impegno a consolidare, dal Dopoguerra ai nostri giorni, la democrazia nel nostro paese.

Tema dell'edizione 2016 della kermesse di Cl e "Tu sei un bene per me". Fino al 25 agosto si alterneranno nei vari padiglioni della fiera, durante 106 incontri, oltre 270 relatori tra politici, ministri, rappresentanti religiosi, amministratori locali, imprenditori. Se è massiccio il programma degli incontri sul dialogo tra le religioni, le periferie del mondo, le disuguaglianze, il mondo del lavoro, l'attenzione del dibattito di fine estate è concentrato sul referendum costituzionale ormai alle porte. Uno degli appuntamenti più attesi del Meeting sarà infatti quello di mercoledì 24 agosto "Il punto e la linea. Storia e futuro della riforma costituzionale italiana" a cui prenderà parte il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi.

Il governo di Matteo Renzi sarà presente al Meeting anche con i ministri alla Salute, Beatrice Lorenzin, alle Politiche agricole, Maurizio Martina, agli Esteri, Paolo Gentiloni. La kermesse registra quest'anno un lieve incremento nel bilancio arrivato a quota 5,7 milioni di euro.