Buenos Aires (askanews) - I sessantamila del Monumental sono in festa: il River Plate è il nuovo campione della Copa Libertadores, la Champions League del Sudamerica. Il club di Buenos Aires ha battuto in finale i messicani del Tigres per tre a zero. I gol sono stati messi a segno da Lucas Alario, Carlos Sanchez su rigore e Ramiro Funes Mori. All'andata la partita era finita 0-0.Per la formazione argentina è la terza coppa continentale, dopo quelle vinte nel 1986 e nel 1996. È una resurrezione per il River retrocesso nel giugno del 2011 e nel giro di pochi anni tornato prima nella massima serie, poi vincitore del titolo nel 2014 ed infine conquistatore della Libertadores con la festa per le vie di Buenos Aires durata tutta la notte nonostante il diluvio abbattutosi sulla capitale argentina."Nei primi minuti l'arbitro ha ammonito molti nostri giocatori, dall'altra parte facevano le stesse cose, ma niente", ha detto il bomber Rafael Sobis. "Tre a zero è deludente, non penso che meritassimo un risultato simile. Ora dobbiamo alzare la testa e andare avanti".E avanti deve anche guardare il River Plate. Perché la favola forse non è finita: la prossima sfida sarà la Coppa del Mondo per club, dove li attende il Barcellona delle meraviglie.(Immagini Afp)