Dopo gli impegni ufficiali ad Hanoi, prosegue la visita dell'imperatore del Giappone Akihito in Vietnam con una tappa all'antica capitale Hue incentrata sulla sottolineatura dei rapporti culturali tra i due Paesi. Storicamente, sul piano culturale il Giappone e' stato tributario non solo della Cina ma ha preso e rielaborato elementi dalla Corea e anche dal Vietnam. Il corteo entra nella cittadella imperiale della dinastia Nguyen e passa per il Palazzo della Suprema Armonia prima di arrivare al teatro di corte. Fu nell'ottavo secolo che musica vietnamita Champa (Nha nhac) fu suonata al tempio Todaiji di Nara assieme a una danza dedicata alla cerimonia per il completamento del Grande Budda. E divenne parte del gagaku. Akihito sta ovviamente allo storico hotel “La Residence”, ex dimora imperiale e del governatore francese (riaperto nel 2005 preservando l'originario stile Art Deco degli anni Trenta). Prima di partire per una breve tappa in Thailandia, la coppia imperiale giapponese fa visita alla casetta e al museo di Fan Boi Chau (1867-1940), campione del patriottismo vietnamita del primo ‘900 che passo' un importante periodo in Giappone.