Parigi (TMNews) - Costa caro all'Air France lo sciopero dei piloti. La compagnia di bandiera francese ha annunciato che l'astensione dal lavoro per due settimane nel mese scorso ha fatto scendere del 15,9% il traffico passeggeri e del 17,7% quello delle merci trasportate dal gruppo Air France-Klm, con un impatto intorno ai 500 milioni di euro di perdite. Tenendo conto sia dei mancati incassi diretti sia quelli futuri dei passeggeri esasperati che hanno deciso di non volare più con il tricolore di Parigi, annullando le prenotazioni. E mettendo in conto anche le riduzioni dei prezzi operate per recuperare clientela.Il duro contenzioso era stato innescato dal progetto della direzione del vettore francese di puntare sul settore low-cost, e sulla controllata Transavia per le rotte europee in cui Air France mostra delle sofferenze.Il settore francese di Transavia dispone però solo di 14 aerei e l'obiettivo della direzione era organizzare una flotta di un centinaio di aerei aprendo Transavia Europe, con basi operative in Portogallo e in Germania. Progetto che ha scatenato la furiosa reazione dei piloti e lo sciopero a oltranza di settembre. Che a Parigi fa ancora male.(Immagini Afp)