Roma (TMNews) - Quasi una bambina su cinque è ancoracostretta a subire mutilazioni genitali in Africa sub-sahariana:è quanto emerge dal rapporto sulla condizione dell'infanzia nel mondo intitolato "Ogni bambino conta", pubblicato oggi dall'Unicef.Secondo il rapporto, in 29 paesi africani questa pratica - che provoca gravi danni fisici, psicologici e alla salute di donne e bambine, è ancora molto diffusa. Diciotto di questi paesi sono nella zona occidentale e centrale del continente.A fine 2012 l'Assemblea generale dell'Onu ha approvato la risoluzione per la messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili: ma secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità sono tra 100 e 140 milioni le bambine, le ragazze e le donne nel mondo che hanno subito una forma di mutilazione genitale.