Roma, (askanews) - Un mercatino di Natale i cui proventi sono serviti per finanziare il Centro per Rifugiati Joel Nafuma: si è tenuto nella Chiesa anglicana di San Paolo Entro le Mura, la più antica comunità protestante della capitale, che da oltre 30 anni ospita il centro di accoglienza nella sua cripta.Romani e turisti hanno potuto acquistare oggetti artistici, gioielli artigianali e squisiti dolci americani fatti in casa. Ma nel mercato c'è stato anche spazio per attività realizzate dagli stessi migranti: ad esempio diversi tipi di oggetti e monili realizzati con materiali riciclati da alcuni rifugiati africani, oppure la marmellata prodotta da donne afgane per il progetto di integrazione "Not Just Jam" gestito dalla Comunità di base di San Paolo. E per chi, anziché comprare un oggetto, preferisce partecipare direttamente all'espressione di un'altra cultura, c'era anche la possibilità di farsi fare bellissimi "tatuaggi" di henné.Yvette Manigold, volontario del centro Joel Nafuma e membro della chiesa di Saint Paul Within the Walls: "Noi ogni giorno dal lunedì al venerdì abbiamo un centro per i rifugiati, è aperto dalle otto di mattina alle due di pomeriggio e così hanno uno spazio per poter stare durante il giorno, perché molti di loro durante il giorno girano nella città e non hanno dove andare, perché nei posti dove dormono non possono stare durate il giorno. Quindi per loro è un luogo di ritrovo, noi offriamo anche corsi di lingua, inglese e italiano, c'è un'art therapist per la terapia artistica, e li aiutiamo a preparare i loro curriculum. Circa 200 rifugiati vengono qui ogni giorno. Abbiamo organizzato questo mercatino di Natale per avere più fondi perché noi non riceviamo nessun aiuto dallo Stato".Il centro, che porta il nome del reverendo ugandese Joel Nafuma, che in fuga dalla dittatura di Idi Amin negli anni '80 fu parroco per i rifugiati nella chiesa romana, ha mantenuto la sua tradizione e ora accoglie soprattutto persone in fuga dall'Africa, dalla Siria e dall'Afghanistan.Per donazioni, visitare il sito jnrc.it/donate/