Roma, (askanews) - Protesta degli autodemolitori a Roma: invasa la Cristoforo Colombo. Dopo l'esito negativo dell'incontro fra i funzionari del comune e quelli della regione presso la sede del ministero dell'Ambiente in via Cristoforo Colombo 44, un gruppo di persone ha dato vita alla protesta riversandosi in strada e bloccando in parte il traffico. Uno dei manifestanti invece è salito un'impalcatura, minacciando di gettarsi nel vuoto.

Sul posto il reparto mobile della polizia, polizia municipale, vigili fuoco e 118 per monitorare la situazione.

La vertenza degli autodemolitori nasce dalla chiusura di alcune attività e dalla volontà dichiarata dal Campidoglio di "mettere ordine nel settore" dei 114 cosiddetti sfasciacarrozze romani, dopo vent'anni di proroghe delle autorizzazioni, per ottenere che lavorino fuori città e in condizioni ecosostenibili. Su chi debba concedere le autorizzazioni temporanee ed inviduare le soluzioni future invece è polemica fra Comune e Regione.