Roma, (askanews) - Prima visita a Ramadi riconquistata per il premier iracheno Haider al Abadi, il giorno dopo la liberazione della città dai combattenti dello Stato Islamico. Ramadi, a cento chilometri da Baghdad è il capoluogo della provincia di Anbar.Al Abadi ha percorso le strade distrutte della cittadina fra soldati e giornalisti,Arrivato in elicottero, il premier iracheno ha giurato di liberare tutto l'Iraq dal Califfato entro la fine del 2016.Al Abadi ha l'abitudine di visitare le città riconquistate ma quella di Ramadi è una vittoria particolarmente dolce, sia perché era stata strappata alle forze governative in maggio, sia perché il premier è stato molto criticato per aver cooperato con la coalizione guidata dagli Stati Uniti, invece di affidarsi alle milizie sciite che hanno giocato un ruolo chiave nella riconquista di altre città come Tikrit e Baiji."Mi congratulo con tutti gli iracheni per questa brillante vittoria. Con l'aiuto di Dio, cacceremo Daesh città dopo città, ripuliremo tutto il paese e alzeremo la bandiera irachena dappertutto finché l'ultimo membro di Daesh avrà lasciato il territorio dell'Iraq" ha detto Al Abadi ai giornalisti. "Parlo alla gente di Nineveh, di Mosul: con l'aiuto di Dio verremo a liberarvi da Daesh, Daesh sarà sconfitto e fuggirà come sono fuggiti da Ramadi".