Roma, (askanews) - È arrivata al porto di Pozzallo la nave Diciotti della Guardia Costiera italiana con oltre 500 migranti recuperati in sette interventi di salvataggio nel Canale di Sicilia. Quattro persone che avevano bisogno di cure mediche urgenti sono state trasferite a Lampedusa.

A bordo c'erano anche i 42 naufraghi salvati dalla nave militare Usa Trenton. I migranti sono stati recuperati in diverse operazioni, ma 12 persone risultano ancora disperse.

Ad accoglierli a Pozzallo, insieme alle autorità italiane, anche il personale dell'agenzia delle Nazioni Uniti per i rifugiati. Il portavoce dell'Unhcr Italia, Marco Rotunno: "Non stiamo attraversando una fase emergenziale, a livello di numero di persone che arrivano in Italia dalla rotta del Mediterraneo centrale si è ridotto moltissimo, l'Italia ha ancora una capacità di ricezione e di prima accoglienza efficace".

Dati confermati anche dal numero di sbarchi annuali. "Nel 2017 c'erano 68 milioni e mezzo di persone fuggite dai propri paesi, nei primi sei mesi di quest'anno ne sono arrivate neanche 15mila in Italia".