Roma, (askanews) - Coniugare screening e spettacolo. Questo il binomio su cui ha puntato la prima "Notte bianca della prevenzione" a Palermo, organizzata sulla terrazza sul mare dell'ospedale Enrico Albanese.In tanti hanno riempito i viali della storica struttura che da anni ospita un Presidio territoriale d'assistenza dell'Azienda sanitaria provinciale. Per un giorno, però, l'Enrico Albanese si è trasformato in un villaggio della salute per promuovere la cultura della prevenzione, con i gazebo e i camper dell'Azienda sanitaria che hanno ospitato gli ambulatori dove medici e infermieri hanno garantito una lunga serie di prestazioni.L'adesione è stata altissima. Antonio Candela, direttore generale dell'Asp di Palermo:"La prevenzione salva le vite umane, è una vera festa perché vogliamo regalare con un sorriso il dono della prevenzione ai palermitani. Migliaia gli utenti che sono venuti, e migliaia le prestazioni effettuate, non ci aspettavamo che i palermitani rispondessero così numerosi".Attori, cabarettisti, ballerini e musicisti si sono alternati sul palco montato a due passi dal mare. Artisti che, ha detto Sergio Vespertino che ha curato il cartellone, hanno dimostrato di avere un grande cuore, partecipando gratuitamente e dimostrando di condividere un'iniziativa che ha consentito nel corso dei primi mesi del 2015 di diagnosticare in "piazza" due tumori alla mammella, uno alla tiroide e 58 nuovi casi di diabete.