Milano (askanews) - Come aveva chiesto la famiglia, è stata una cerimonia breve e sobria quella che si è tenuta nella basilica di Sant'Ambrogio a Milano per dare l'ultimo saluto a Cesare Maldini, l'allenatore del Milan e della Nazionale, scomparso a 84 anni il 3 aprile.Al termine delle esequie officiate dal vescovo Erminio De Scalzi, il feretro coperto di rose bianche, è uscito dalla basilica accompagnato da un lungo e scrosciante applauso, lo stesso che aveva accolto il suo arrivo, da parte delle diverse centinaia di cittadini assiepati dietro le transenne.Molti i saluti e gli incoraggiamenti che i tifosi rossoneri hanno rivolto soprattutto al figlio Paolo, una "bandiera del Milan" come suo padre. "Una grande, bella, famiglia, una grande bella squadra vincente, oggi giustamente orgogliosa del suo capitano" ha affermato tra l'altro nella sua omelia l'abate dell'abbazzia.Ai funerali hanno partecipato una delegazione del Milan guidata dall'ad Adriano Galliani, Silvio Berlusconi, il presidente del Coni Giovanni Malagò e quello della Figc Carlo Tavecchio, oltre a tanti campioni e personaggi del calcio di ieri e di oggi.