Messina (askanews) - Il Comitato di Messina dell'Unione Nazionale Consumatori ha deciso di avviare una class action nei confronti dell'Amam, la società che gestisce la rete idrica nella città siciliana, a seguito dei gravi danni subiti a causa dell'assenza di servizio idrico in gran parte delle zone della città servite dall acquedotto Fiumefreddo. L'avvocato Mario Intilisano, è il presidente Unione consumatori di Messina. L'Unc di Messina stima in 25 euro al giorno il danno subito dalle famiglie messinesi, che salgono a 50 euro per i casi in cui vi siano persone anziane, malate o disabili, i più colpiti dall'emergenza idrica di questi giorni.