Malta (askanews) - Spostare i riflettori dall'effetto, lo sbarco di centinaia di migliaia di immigrati sulle coste europee, alla causa, ovvero le condizioni del continente africano. E' la strategia che l'Europa prova a mettere in campo con il vertice sull'immigrazione a Malta. Strategia che Matteo Renzi sposa pienamente: serve "uno sguardo nuovo" della Ue verso l'Africa, e serve che "l'Africa rispetti le regole che ci diamo", ha dichiarato il premier italiano.Sono oltre 60 i leader europei e africani riuniti a La Valletta. A loro, il compito di mettere in campo concretamente il "Trust Fund", il fondo di garanzia che la Ue vuole destinare allo sviluppo del continente africano. Come spiegato anche dal presidente francese Francois Hollande: "L'obiettivo è limitare l'immigrazione e la risposta migliore sono le politiche di sviluppo".I leader europei si attendono un passo anche dai Paesi africani, in particolare sugli accordi economici per i rimpatri dei migranti. Passaggio fondamentale per la Ue, con gli interlocutori africani che chiedono però l'apertura di canali stabili per l'immigrazione legale. Tutte questioni che l'Europa vorrebbe affrontare aprendo centri di identificazione, gli hotspot, direttamente in Africa."Servono canali di immigrazione legale. L'Ue sta lavorando in questo senso. Si tratta di stabilire un'agenda comune: dalla lotta ai trafficanti, al salvataggio di vite nel deserto e nel Mediterraneo", ha concluso.