Roma, (TMNews) - E' a Lipsia, nell'ex Ddr, che sono scoppiate le prime grandi manifestazioni di massa contro l'ex regime comunista: allora, nell'autunno del 1989, ogni lunedì decine di migliaia di persone sfilavano pacificamente per le strade, fino alla manifestazione che il 9 ottobre di 25 anni fa riunì 70.000 persone e con grande sorpresa né la polizia dell'ex Germania comunista, né l'esercito sovietico intervennero per fermarli.Lo scrittore Reinhard Bernhof, ex membro del movimento popolare "Neues Forum", che contribuì alla dissoluzione della Ddr ricorda: "Quella sera ho pensato che sarebbe stata la fine della Ddr e anche la fine dell'esperimento socialista, che ci stavamo riunificando con l'altra parte"."Mi rallegra pensare a quel giorno e rivedere vecchi amici. Il nostro presidente tedesco proviene dal nostro stesso partito e voglio bere una cosa con lui", ha ricordato Matthias Buechner, pittore e anche lui ex membro del Neues Forum.Le proteste che allora fecero vacillare il Muro di Berlino, a un mese esatto dalla caduta della cortina di ferro il 9 novembre 1989, sono state ricordate dal presidente della Repubblica federale tedesca Joachim Gauck: "Senza il 9 ottobre, non ci sarebbe stato il 9 novembre", ha detto il pastore luterano ex attivista per i diritti umani nell'ex Ddr.