Kiev (TMNews) - Va avanti a oltranza, a Kiev, in Ucraina, la protesta dei cittadini filo-europei che chiedono le dimissioni del presidente Viktor Yanukovich in polemica con la scelta di quest'ultimo di abbandonare il piano di adesione del Paese all'Unione europea.Tra i principali sostenitori dell'adesione ci sono moltissimi studenti universitari, che vedono nell'Europa un'occasione di riscatto e di emancipazione dopo gli anni difficili vissuti all'ombra del Cremlino."Qui non c'è democrazia - dice questo giovane - non viene data alcuna possibilità a noi giovani di esprimere il nostro parere e il governo sta già schedando i nomi degli studenti che sono scesi in piazza per protestare"."Mia madre - aggiunge questo attivista - mi ha chiamato per dirmi che un'apposita commissione sta già monitorando quello che succede dall'inizio delle manifestazioni"."Il nostro rettore - denuncia invece questo studente - ha firmato una circolare per rimandare gli studenti che partecipano alle manifestazioni. Però poi hanno pagato altri studenti per prendere parte alle manifestazioni del Partito delle Regioni, gli statalisti filo-russi, mentre a noi minacciano di non farci superare gli esami".Sono decine di migliaia i manifestanti scesi in piazza nelle ultime ore per sostenere la causa europeista. Hanno anche il sostegno dell'ex premier Yulia Timoshenko che ha inviato loro un messaggio, letto in piazza dalla figlia Evgenia, in cui vengono chieste senza mezzi termini le dimissioni di Yanukovich.I manifestanti hanno eretto barricate in piazza dell'Indipendenza, determinati a non mollare finché non verranno ascoltati.(Immagini Afp)