Roma, (askanews) - Sono economici, panoramici, dal gusto un po' retro e se pur lenti sono affidabili e passano con frequenza. E' per questo che gli abitanti di Hong Kong non vogliono rinunciare ai loro caratteristici tram a due piani, i cosiddetti "ding-dings", la cui esistenza è minacciata da una proposta che prevede di abolirli nelle aree più trafficate.I tram qui hanno una storia di oltre 100 anni. Sono diventati anche un'attrazione turistica, ma persino i residenti li usano spesso per andare a lavoro o per spostarsi, preferendoli a volte ai bus e alla veloce metropolitana. Si calcola che vengano presi da circa 200mila passeggeri al giorno.In migliaia hanno firmato petizioni contro la loro rimozione dal distretto finanziario."I tram hanno tanti anni di storia - dice questo studente - sono una caratteristica di Hong Kong. E' sbagliato dire che sono vecchi e bloccano il traffico".La società di consulenza, che ha lanciato la proposta sostiene che con il completamento della metro sia inutile continuare a mantenere in vita i tram, che anzi creano caos nelle zone più congestionate.Ma il direttore della rete dei tram afferma:"Sappiamo bene che la ragione del traffico è l'aumento del 50% delle auto negli ultimi 10 anni".Il piano dei trasporti sarà discusso a ottobre, ma viste le proteste, il governo ha preso tempo e ha rassicurato i cittadini: al momento non è in programma un rapido piano per abolire gli storici tram.