Milano (askanews) - Spesso gli adulti, ammoniva Antoine de Saint-Exupéry, commettono l'errore di dimenticare di essere stati bambini. Da grandi, in effetti, si perde quella capacità di scoprire il mondo utilizzando tutti e cinque i sensi. Proprio pensando a questa perdita, Andrea Panto, direttore creativo di Robert Cutty che ha sviluppato il progetto Kdsgn we are kids, ha ideato per Homi, nel satellite dedicato ai bambini, una bolla attraverso la quale tornare a stupirsi del mondo utilizzando tutti i sensi: "E' una bolla che abbiamo voluto installare in un contesto fieristico perchè i visitatori potessero estraniarsi dalle dinamiche del mercato e ritrovare i 5 sensi, il bambino che c'è in loro".

Panto ci ha accompagnato all'interno di questa bolla realizzata in plastica grazie alla collaborazione col collettivo tedesco Plastique fantastique, raccontandoci passo passo le installazioni. A partire dall'udito per il quale un tangram colorato su un piano nero viene ricomposto dal visitatore generando di volta in volta suoni diversi. Per la vista il richiamo degli specchi deformanti del lunapark è stato determinante, l'olfatto invece è stimolato da campane origami con profumazioni proustiane dell'infanzia, il tatto è sinonimo di plastilina colorata inserita in formelle di cartone mentre il gusto è soddisfatto da un dolcissimo zucchero filato.

"Questa è una esperienza che abbiamo scelto di portare a Homi per cercare di sensibilizzare il mercato alla sensibilità del bambino perchè il bambino non è una entità da riempire di contenuti ma da stimolare perchè crei dei contenuti e per far capire al mercato come si può proporre un prodotto".

Un viaggio dunque attraverso i cinque sensi nell'universo bambino perchè cresca in un mondo alla sua portata.