Ginevra (askanews) - Sono foto choc quelle di César, ex membro delle forze di sicurezza del regime siriano fuggito dal paese assieme a decine di migliaia di immagini che denunciano le torture nelle prigioni del regime, esposte a Ginevra, mentre sono ripresi i difficili negoziati per mettere fine al conflitto.Mazen Darwish, avvocato siriano ed ex prigioniero, spiega: "Penso che l'inviato speciale delle Nazioni Unite e i paesi che lo sostengono dovrebbero imporre al governo siriano di fornire delle liste ufficiali con i nomi dei prigionieri almeno fino a quando il governo afferma di essere uno Stato con sistemi giuridici".Parla Hanada al-Refai, ex prigioniera: "Riguardo ogni foto nella speranza di vedere mio fratello. La sua foto forse non sarà là, ma era uno di loro. E' morto torturato, lo hanno buttato per terra come gli altri. Hanno atteso di avere 60 o 100 cadaveri per metterli su un'unica fossa".(immagini Afp)