Tel Aviv, (TMNews) - A Gaza la guerra va avanti, il quinto giorno dell'offensiva israeliana per fermare il lancio di razzi palestinesi ha un pesante bilancio di sangue. Le vittime sono almeno 127. I feriti sarebbero circa 900, ma sono cifre che si aggiornano di ora in ora. I palestinesi sostengono che un missile di Tel Aviv ha colpito un orfanotrofio uccidendo tre bambine. L'operazione "Barriera protettiva" lanciata martedì scorso, però non finisce qui. Il timore è che la situazione possa precipitare da un momento all'altro con un'offensiva israeliana via terra. Per contro, Hamas reagisce con una pioggia di razzi: ne sono caduti moltissimi, in una serie di aree del sud e del centro dello Stato ebraico e minaccia anche i voli civili sull'aeroporto di Ben Gurion, a Tel Aviv. Sul fronte diplomatico al Cairo si lavora al tentativo di consolidare l'accordo che impegna Israele e Hamas a rispettare l'intesa di cessate il fuoco siglata tra le due parti nel 2012. Alla bozza per la tregua, preparata dall'Egitto, Hamas ha già detto no, mentre Israele vuole analizzare i contenuti del testo.(immagini AFP)