Gaza (askanews) - Migliaia di insegnanti e dipendenti dell'agenzia dell'Onu per il soccorso e l'occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA) hanno scioperato e sono scesi in piazza a Gaza per protestare contro i tagli annunciati durante l'estate. Per superare la crisi finanziaria in cui è piombata, anche a causa dell'insufficienza delle donazioni internazionali, l'agenzia ha intenzione di adottare pesanti contromisure, fra cui un anno di aspettativa senza stipendio per parte del personale e l'aumento del numero degli alunni per classe."L'amministrazione e il commissario generale devono migliorare la qualità dei servizi ai rifugiati, non ridurli - ha detto intervenendo sul palco il sindacalista Suhail al-Hindi - Devono fare un passo indietro su queste decisioni ingiuste che tolgono diritti a tutti i livelli, dai servizi sanitari all'istruzione".Alla manifestazione che si è svolta di fronte al quartiere generale dell'agenzia Onu hanno partecipato oltre 13mila persone.