Rho (askanews) - L'inno nazionale della Serbia risuona sotto i padiglioni dell'Expo center: il 22 giugno è infatti la giornata dedicata al Paese balcanico, che all'Esposizione universale milanese è presente all'interno del cluster Biomediterraneo. A fare gli onori di casa il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova, che ha accolto il vicepremier serbo Ivica Dacic. "La vostra presenza - ha detto Della vedova - è un segno tangibile dell'importanza che la Serbia ha dato a Expo anche attraverso la sua partecipazione, ed è anche un segno tangibile dell'amicizia che lega i nostri due Paesi".Dopo i conflitti degli Anni Novanta, ora la Serbia ha intrapreso un non facile cammino verso l'Unione europea, e l'Italia ha ribadito il proprio sostegno al percorso di confronto tra Bruxelles e Belgrado. "Abbiamo spinto e continuiamo a spingere - ha aggiunto Della Vedova - perché si dia il via effettivo alle negoziazioni nel cammino verso l'Unione europea".Dopo le cerimonie ufficiali poi, via alla festa: tra abiti tradizionali, cibo e orgoglio nazionale anche la Serbia ha sottolineato l'importanza di stare a Expo 2015.