Rho (askanews) - Un patrimonio italiano fatto di prodotti che arrivano da tutte le regioni: sono 4886 le "bandiere del gusto" presentate da Coldiretti a Expo Milano 2015, una selezione di specialità alimentari tradizionali che hanno almeno 25 anni di storia alle spalle. Sono 73 i prodotti nuovi che si sono aggiunti alla selezione quest'anno. Rolando Manfredini, responsabile sicurezza alimentare di Coldiretti. "Le regioni che hanno proposto di più in questo senso sono la Toscana, la Campania e il Lazio. Ma la Liguria, che è piccolissima, produce più di 290 prodotti. È una rappresentazione vera dell'Italia intera"Tra le specialità regionali prevalgono i 1490 tipi diversi di pane, pasta e biscotti seguiti da 1366 verdure fresche e lavorate, 782 tra salami, prosciutti, carni fresche e insaccati e 488 formaggi. La Lombardia, regione che ospita Expo, è rappresentata anche dalla Rosa Camuna, un formaggio che riprende nella forma la famosa incisione rupestre, simbolo regionale riportato anche nella bandiera. La varietà di prodotti si rispecchia nei nomi dialettali. "Il presnitz, che è una torta, o il tetoun, un prodotto valdostano ottenuto dalla mammella delle mucche".Nomi che rispecchiano anche antiche tradizioni, tipico il caso del filu ferru della Sardegna: nell'Ottocento i distillatori isolani interravano le bottiglie per sfuggire alla confisca dei distillati, poi le localizzavano grazie al filo di ferro che spuntava sul terreno.