Hong Kong (TMNews) - Mano pesante della polizia cinese a Hong Kong. Gli agenti hanno arrestato oltre 500 persone che si rifiutavano di lasciare il quartiere degli affari dopo l'imponente manifestazione in favore della democrazia. In strada sono scese mezzo milione di persone su una popolazione complessiva di 7,2 milioni dell'ex colonia britannica passata sotto la sovranità cinese nel 1997.Le forze dell'ordine sono intervenute verso le 3 di notte a Central e hanno fatto sgomberare i manifestanti. La mobilitazione di massa segue lo svolgimento di un referendum non ufficiale sull'instaurazione del suffragio universale direttoHong Kong gode - in virtù del principio di "un solo Paese, due sistemi diversi" - di uno statuto di larga autonomia rispetto alle autorità cinesi: tuttavia gli abitanti temono una progressiva erosione dei loro diritti."Siamo sotto l'influenza nefasta del regime di Pechino. Ci chiedono di chiamarli Governo centrale, ma è come chiederci di chiamarli padre e madre e invece sono solo come la mafia" spiega un'attivista.L'isola chiede democrazia. Gli abitanti vanno avanti nella protesta: "Non siamo più una colonia" dicono.(immagini AFP)