Roma, (TMNews) - Proseguono fra molte difficoltà le operazioni di soccorso a Longtushan, in Cina, nelle zone di montagna devastate dal sisma del tre agosto che ha ucciso circa 400 persone e ne ha ferite altre duemilaLongtushan cittadina nella provincia del Yunnan nella Cina sudoccidentale è l' epicentro del sisma. Nella zona più di ottantamila case sono crollate, oltre centoventimila sono gravemente danneggiate. Nie Shijun racconta, la mia figlia maggiore è morta, mia moglie e il secondo sono gravemente feriti, il più piccolo è disperso, dicono che forse è stato portato a LudianZong Tingyao dice, non c'è acqua, noi adulti ce la caviamo ma il bambino non ha da mangiareHuo Yicai ha perduto diversi parenti. Che farò con il mio nipotino, dice. Sei o sette persone sono ferite.I soccorsi sono gravemente complicati dal maltempo. Le vie di comunicazione del distretto di Ludian sono difficili da raggiungere, piove, le strade sono piene di fango e gli ospedali locali mancano di attrezzature per curare tutti i feriti in arrivo.