Milano (Askanews) - Quaranta arresti nelle fila della 'Ndrangheta, soprattutto in Lombardia. L'operazione "Insubria" dei carabinieri del Ros ha inflitto un colpo significativo ai clan mafiosi, mettendo una volta di più in luce la profonda penetrazione anche nel Nord Italia. A colpire in particolare i video dell'affiliazione e le registrazioni effettuate dai militari, nelle quali gli 'ndranghetisti parlano in modo che appare quasi cinematografico. "Noi non possiamo mai cambiare", dicono i personaggi filmati.Al centro delle indagini ci sono tre gruppi 'ndranghetisti radicati nel Comasco e nel Lecchese, con diffuse infiltrazioni nel tessuto locale e saldi collegamenti con le cosche calabresi di origine. Una situazione che, insieme alla ritualità delle affiliazioni con riferimenti massonici e giuramenti, rende ancora più inquietante lo scenario della diffusione della 'Ndrangheta in tutto il Paese.