Roma, (askanews) - "La cancelliera tedesca fa piangere una rifugiata": è l'irriverente titolo della Bild, in riferimento a un video che circola su internet e che mostra Angela Merkel intenta a consolare una ragazza palestinese dopo avere discusso di politiche sui migranti e i profughi.Merkel, ospite di un "dialogo con i cittadini", nell'ambito dell'iniziativa governativa "Vivere bene in Germania", ha incontrato un gruppo di studenti dell'istituto Paul Friedrich Scheel a Rostock, di cui faceva parte anche Reem, una giovane ragazza palestinese, che con la voce tremante ha esposto alla cancelliera il suo incerto futuro e la difficile situazione dei rifugiati in Germania. "Negli ultimi tempi è stata dura. Siamo a un passo dall'essere espulsi. E anche a scuola andavo molto male, gli insegnanti e i compagni se n'erano accorti", ha raccontato Reem, fuggita con la sua famiglia dal Libano. La paura di essere espulsa dalla Germania resta grande. Lei si augura un futuro in Germania, vuole studiare qui, ha detto alla cancelliera in un tedesco perfetto.La leader conservatrice tedesca, 60 anni, la ha risposto così: "Sai anche che nei campi profughi palestinesi in Libano ci sono migliaia e migliaia di persone. Se noi adesso dicessimo 'potete venire tutti' e 'potete venire tutti anche dall'Africa', non potremmo farcela". La discussione sembra procedere come da copione, ma Reem scoppia in lacrime. Si interrompe la cancelliera, che difficilmente si lascia andare ai fuori programma, e si avvicina alla ragazza per consolarla, le dice "va tutto bene" e poi vuole darle una carezza.