Rho (askanews) - Un sistema per riutilizzare gli scarti del caffè, una serra didattica: idee originali e vincenti, ma soprattutto utili socialmente. Sono quelle di ragazzi tra i diciotto e i trent'anni che hanno vinto il concorso "Lifebility" organizzato dai Lions, come spiegano Enzo Taranto, presidente dell'associazione "Lifebility", e Cesara Pasini, governatore Lions del distretto della Lombardia. La premiazione si è tenuta alla Casina Triulza a Expo 2015."L'iniziativa è nata cinque anni fa per spingere i giovani a pensare al sociale e aprire loro una porta verso il mondo del lavoro. Abbiamo coinvolto 90mila giovani in questi 5 anni", ha detto Taranto. "Come Lions vogliamo stimolare nei giovani l'imprenditorialità, creatività e l'innovazione con finalità sociale", ha speigato Pasini.E al sociale sono dedicate molte delle categorie della premiazione, con un occhio di riguardo ai progetti sul mondo della disabilità. Una menzione speciale è andata al progetto Horus su uno strumento portatile per ipo vedenti e non vedenti. Tre ricercatrici che hanno realizzato un esoscheletro per terapie riabilitative si sono aggiudicate invece una borsa di studio da 5mila euro. Una sorta di "Tripadvisor" per la cura degli anziani pensato da Giulia Spiller ha vinto nella categoria "Nutrizione e qualità della vita". "L'idea - ha spiegato - è creare un portale che metta in contatto le assistenti familiari degli anziani e le persone che cercano. Oggi ci si basa fondamentalmente sul passaparola".Molti dei vincitori delle passate edizioni hanno già trovato la loro strada nel mondo del lavoro, ma anche quelli di quest'anno sembrano avere le idee chiare. Come Gabriele Vender, che ha realizzato insieme al fratello una app, "Speed my whellchair", per consigliare itinerari fruibili per persone disabili. "Cosa vorrei fare da grande? Vorrei sperimentare, fare cose stimolanti e soprattutto con un indirizzo sociale"