Roma, (askanews) - "Non è il mare che uccide. Sono gli uomini, che mettono a mare altri uomini in condizioni inopportune, a uccidere". Storie di accoglienza, solidarietà e integrazione al centro del video lanciato dalla Croce Rossa Italiana in occasione della Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione. La mattina del 3 Ottobre del 2013, infatti, a poca distanza dalle coste di Lampedusa, il naufragio di un barcone carico di migranti causò 368 vittime, tra cui molti bambini e decine di dispersi. Si erano messi in cammino con il sogno di una vita migliore, ma quel viaggio si è trasformato in una tragedia, una delle più gravi mai avvenute nel Mar Mediterraneo.

"Pioggia d'agosto", che pubblichiamo integralmente, è un'accorata raccolta di testimonianze dei volontari della Croce Rossa Italiana impegnati nelle attività legate all'accoglienza delle persone migranti, per ribadire il concetto che Croce Rossa è da sempre in prima linea per chiunque e dovunque, senza alcuna distinzione.

Il video raccoglie le testimonianze dei volontari della Sicilia, dei quali il presidente regionale, Luigi Corsaro, sottolinea la tenacia e abnegazione: "Nelle storie di questi volontari siciliani riviviamo i racconti di centinaia di volontari. Persone che oggi, come domani, continuano ad accogliere senza 'se' e senza 'ma' chi scappa da fame, guerre e persecuzioni. E continueranno a farlo sempre con tanta Umanità".