Le questioni ancora irrisolte dopo il rinvio della scadenza al 5 ottobre