\"Nell\'odierno approfondimento commentiamo il Decreto legge 30 novembre 2013, n. 133, che interviene su due temi attualmente molto discussi che coinvolgono la generalità dei contribuenti: l\'Imposta municipale propria (Imu) e gli acconti di imposta. Per quanto riguarda l\'Imu il decreto ha confermato che non è dovuta la seconda rata per una serie di categorie di immobili. Relativamente agli acconti, invece, ferma restando la scadenza dello scorso 2 dicembre per tutti i soggetti Irpef (persone fisiche e società di persone), la scadenza è stata posticipata al 10 dicembre 2013 per tutti i soggetti Ires. Ulteriore novità del decreto legge è rappresentata dall\'aumento di 8,5 punti percentuali, per l\'esercizio 2013, dell\'aliquota Ires per i soggetti finanziari (banche, assicurazioni e altri enti finanziari) e il loro acconto d\'imposta è aumentato al 128,5%\".