Profughi preoccupati per la decisione presa dalla Gran Bretagna