Studio italiano su 73 persone, ferma progressione malattia