New York (askanews) - New York, Minnesota, New Jersey: nella notte tra sabato e domenica, gli Stati Uniti sono ripiombati nell'incubo dopo che l'esplosione di una bomba a New

York ha provocato almeno 29 feriti; ci sono stati altri due attacchi, uno in un centro commerciale in Minnesota dove un uomo armato di coltello ha ferito otto persone prima di essere ucciso; e un altro a Seaside Park, nel New Jersey, dove un ordigno artigianale collocato in un bidone della spazzatura era esploso lungo il percorso di una gara

organizzata per i Marines, senza causare feriti.

Gli inquirenti e i servizi d'intelligence sono al lavoro per fare chiarezza su quanto accaduto. "Al momento nessun individuo o gruppo ha rivendicato l'attacco" a New York, ha dichiarato il capo della polizia della Grande Mela James O'Neill.

Altri ordigni sono stati intanto trovati in uno zaino abbandonato vicino ai binari di un ponte ferroviario a Elizabeth, nello stato americano del New Jersey. Cinque persone sono state fermate in connessione con l'attentato che ha colpito il quartiere di Chelsea, a New York.

Secondo i primi riscontri delle indagini non ci sarebbero connessioni tra l'attacco in Minnesota, che è stato rivendicato dall'Isis, e quello di New York.