New York (askanews) - Hillary Clinton "sarebbe un presidente pericoloso" e l'unico modo per fermarla sarebbe spararle. Ne è convinto Donald Trump, il candidato repubblicano alle elezioni presidenziali americane che, nel corso di un comizio a Wilmington, in North Carolina, ha persino suggerito ai suoi fan l'unica soluzione per fermare la rivale democratica, facendo riferimento al secondo emendamento della costituzione americana, che regolamenta il diritto di possedere armi per i cittadini statunitensi.

"Hillary vuole di fatto abolire il secondo emendamento - ha detto - se riuscirà a nominare i giudici che vuole, non ci sarà più niente che possiate fare. Però... per la gente a cui il Secondo emendamento piace, magari una soluzione c'è".

Provoca, insomma, Trump, e va sul pesante lasciando esterrefatta la comunità internazionale - e i membri della Nato - a dir poco sorpresi, se non imbarazzati, dalla sua stessa candidatura. Lui però fa finta di ignorarlo e va avanti per la sua strada.

All'indomani della presentazione del suo piano economico, quello

con cui promette il maggiore taglio delle tasse dai tempi di Ronald Reagan, Trump ha affermato che bisogna "fare cambiamenti reali. Non cambiamenti alla Obama", lanciando una stoccata dietro l'altra al presidente uscente e alla sua contendente politica ritenuta "incapace".

Solo pensare che le è permesso di correre per la Casa Bianca - ha detto - è e sarà sempre motivo di imbarazzo per il nostro Paese".

(Immagini AFp)