Ex presidenti costretti a stare in campo per difendere dinastia