Philadelphia (askanews) - L'ex sindaco di New York Michael Bloomberg, secondo Fortune l'ottavo uomo più ricco del mondo, si schiera a fianco di Hillary Clinton, cercando di convincere gli elettori, specialmente gli indipendenti, a unire le forze per sconfiggere Donald Trump.

"Abbiamo bisogno di un presidente che sia uno che risolve i problemi e non un incendiario" ha dichiarato alla convention democratica di Philadelphia il miliardario a capo del colosso dei media che prende il suo nome da sempre estremamente deciso nelle sue posizioni contro il candidato repubblicano. "Quello che conta è che Trump rappresenta una scelta pericolosa, temeraria e radicale e non ce la possiamo permettere. So bene che Hillary Clinton non è immacolata. Nessun candidato lo è, ma è la scelta giusta e responsabile in queste elezioni".

Nello scorso marzo, annunciando che non sarebbe sceso in campo come indipendente per le elezioni presidenziali del 2016, Bloomberg, un ex repubblicano diventato indipendente, dichiarò che Trump aveva dato il via alla campagna elettorale più divisiva e demagogica mai vista, facendo appello ai pregiudizi e alle paure della gente. Da cui il suo appello all'elettorato indipendente:

"I voti degli indipendenti adesso contano molto. Il vostro voto determinerà il futuro del vostro lavoro, della vostra vita economica e anche il futuro di tutta la nazione. Per me queste elezioni non sono una scelta tra un democratico e un repubblicano. Ma una scelta tra chi è più adatto a guidare il nostro paese in questo momento storico", ha concluso Bloomberg.

(Immagini Afp)