Poroshenko apre su decentramento e lingua. Scambio prigionieri