Ad Ankara si tratta per governo mentre si infiamma il Kurdistan