Istanbul (askanews) - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha nuovamente mostrato il suo volto sempre più autoritario e, pur condannando l'aggressione da parte di estremisti nei confronti degli appassionati di rock a Istanbul, che ha provocato proteste in Turchia, ha bollato come "errore" il consumo dell'alcool in pieno Ramadan.

"Entrambe le parti sono in difetto in questa vicenda. E' sbagliato fare un'attività del genere in una giornata di Ramadan come è sbagliato intervenire con la forza bruta", ha affermato il presidente conservatore della Turchia.

Alcuni fan del gruppo rock britannico, si erano riuniti - con tanto di drink in un negozio di dischi di Istanbul, per ascoltare il nuovo album dei Radiohead quando sono

stati aggrediti da una ventina di uomini infuriati.

L'aggressione ha provocato almeno un ferito e ha innescato, la sera successiva, una manifestazione di oltre 500 persone per

denunciare l'autoritarismo del presidente turco, repressa violentemente dalla polizia con gas lacrimogeni e idranti. Erdogan se l'è inoltre presa con quanti hanno strumentalizzato questo "deprecabile incidente" a fini politici, per attaccare il suo regime.

Ma non è l'unica macchia nel weekend turco. Otto profughi siriani, tra cui quattro bambini, sono stati uccisi dalle guardie di frontiera turche mentre cercavano di fuggire dalla Siria.

(immagini AFP)