New York (askanews) - Un nuova polemica "militare" per il candidato del partito repubblicano alla casa bianca, Donald Trump. Nel corso di un intervento a Ashburn, Virginia, un reduce di guerra gli ha regalato la Purple Heart, la medaglia al merito, che viene data ai combattenti feriti o morti in guerra. Ma la gaffe, scappata o ironicamente e maldestramente voluta, arriva veloce come un fulmine.

"Mi è successa una cosa molto bella, un uomo è venuto da me e mi ha dato la sua Purple Heart. Allora gli ho chiesto se era quella vera o se era una copia. Lui mi ha risposto: è autentica. Gli ho risposto: questa è una gran cosa, Ho sempre voluto la Purple Heart. Averla così è molto più facile", ha detto Trump.

La sua uscita ha scatenato molte critiche visto che poche ore prima il New York Times aveva rivelato che durante la guerra in Vietnam Trump aveva fatto ben cinque rinvii, evitando così di andare a combattere, anche se era perfettamente abile.

Inoltre nei giorni scorsi si era scontrato duramente con la famiglia di un soldato americano di fede musulmana ucciso in Iraq. Non è tutto. Trump in passato ha anche accusato il senatore John McCain, ex candidato repubblicano alla Casa Bianca, veterano del Vietnam, di non essere un eroe perché si fece catturare dal nemico.

Queste uscite infelici e irrispettose potrebbero irritare notevolmente i veterani, soprattutto nelle fila repubblicane, che potrebbero disertare le urne.

(immagini AFP)