Strasburgo(askanews) - Il Dalai Lama ha rivolto un appello all'Unione Europea a una "critica costruttiva" della Cina sul dossier Tibet, nel corso di una visita a Strasburgo al Parlamento europeo dove è stato accolto dal presidente Martin Schulz.

"Non stiamo pensando all'indipendenza, la storia è la storia. Siamo molto colpiti dallo spirito dell'Unione Europea. L'indipendenza degli Stati sovrani è importante ma prima di tutto viene l'interesse comune, ha detto il Dalai Lama aggiungendo che la Ue può sostenere il futuro della Cina pronunciando una critica costruttiva, a volte necessaria, in un momento in cui i dirigenti cinesi, anche i sostenitori della linea dura, devono fronteggiare una sorta di dilemma su come affrontare questo problema".

Secondo il leader spirituale tibetano, le osservazioni dell'Unione Europea possono avere un impatto sui dirigenti cinesi, "non come negli anni Sessanta o Settanta quando ridevano di ciò che pensava il mondo esterno".

(immagini AFP)