Nizza (askanews) - Il terrorista anomalo andato a fare una strage terribile sulla Promenade des Anglais di Nizza con un camion, una pistola vera e armi e granate finte non custodiva armi o esplosivi nella sua abitazione. Questo l'esito della perquisizione effettuata a rue Saint-Roch, nel quartiere des Abattoirs, a est della località più famosa e frequentata della Costa azzurra. Gli inquirenti hanno trovato solo materiale informatico che sarà analizzato.

Intanto l'ex moglie del 31enne Mohamed Bouhlel è stata fermata dalla polizia per essere interrogata, per appurare il movente del gesto ed eventuali complicità. L'attentatore, descritto come depresso e instabile dopo il divorzio, non aveva la doppia nazionalità ma era un cittadino tunisino. L'uomo era già noto alla polizia per precedenti penali ma non era classificato come un possibile islamista.

Rientrato anche l'allarme all'aeroporto di Nizza evacuato per consentire ai militari delle squadre di bonifica esplosivi di condurre una perquisizione dopo la segnalazione di un bagaglio sospetto. Sul sito web dello scalo è stato pubblicato un messaggio in cui si afferma che nonostante i terribili eventi accaduti, l'accesso all'aeroporto e il traffico aereo non saranno interrotti.

(Immagini Afp)