Città del Messico (askanews) - In queste immagini girate dall'alto con l'aiuto di un drone, si vede la devastazione causata dal potente sisma di magnitudo 7.1 che, il 19 settembre 2017, ha colpito il centro del Messico, compresa la capitale, 32 anni dopo il devastante terremoto del 1985.

Mentre si continua a scavare tra le macerie, il bilancio provvisorio parla di oltre 250 morti accertati. Lo ha annunciato, con un tweet, il coordinatore nazionale della Protezione civile dello Stato centro-americano Luis Felipe Puente.

I morti a Città del Messico sono più di 100 e gran parte della capitale è senza energia elettrica. Nello Stato di Morelos, al momento, i morti sono 72, 43 a Puebla.