Aleppo (askanews) - Queste immagini, diffuse dalla televisione siriana, mostrano decine di famiglie in fuga dai quartieri di Aleppo in mano ai ribelli sottoposti a violenti bombardamenti. Secondo l'agenzia siriana Sana a centinaia stanno approfittando del corridoio umanitario aperto dal regime per sfuggire alle bombe.

Solo 24 ore fa un altro bombardamento a Idlib, nel nord della Siria, ha colpito un ospedale ostetrico gestito da "Save the Children". L'associazione umanitaria ha fatto sapere che nell'attacco sono morte due persone e alcuni bambini, neonati ancora all'interno delle incubatrici, sono rimasti feriti mentre una donna incinta ha perso una gamba. "Un atto vergognoso per cui non ci sono scuse" ha detto Save the Children sottolineando che quella bombardata è l'unica struttura di maternità del suo genere nella zona, serve più di 1.000 tra donne e bambini in un mese e fa nascere centinaia di bambini.