Roma, (askanews) - Cinque ragazze tedesche, di età compresa tra i 20 e i 25 anni, sono state arrestate in Catalogna per avere organizzato un "flashmob" che è stato scambiato per un attentato e che ha fatto scattare l'allerta anti-terrorismo nella località balneare di Platja d'Aro, come ha annunciato la polizia catalana.

Nel video girato con un telefonino si vedono delle persone che corrono sul lungomare nella notte tra martedì e mercoledì. Una delle giovani del gruppo si è fatta passare per una celebrità inseguita dai fan che le chiedevano un selfie. Le grida e la corsa hanno creato agitazione e i turisti hanno pensato a un attentato in stile Nizza.

I video di alcuni testimoni pubblicati sui social network mostrano gente che corre e grida nelle strade e di altre persone che si rifugiano nei ristoranti o di bambini che piangono.

Nella notte il servizio di emergenza regionale ha pubblicato tweet in catalano, spagnolo, inglese e tedesco, dichiarando che si trattava di un falso allarme. "Ci sono degli scherzi che non sono ammissibili", ha twittato il presidente catalano Carles Puigdemont.

Uno scherzo finito male: undici persone sono state medicate per contusioni, attacchi di panico e tachicardia, secondo un comunicato della polizia.