San Pietroburgo, (askanews) - Nonostante le "incomprensioni" accumulate, il presidente francese Emmanuel Macron ha detto al collega russo Vladimir Putin di voler "andare avanti" con lui su temi quali il nucleare iraniano, la Siria e l'Ucraina, lanciando un appello al leader di Mosca alla "responsabilità" legata al "ruolo rafforzato" sulla scena

internationale.

Un anno dopo il loro primo incontro a Versailles, i due capi di stato si sono incontrati per oltre tre ore giovedì a palazzo Konstantin, nei pressi di San Pietroburgo.

"Abbiamo appena avuto un incontro, stiamo per raccontarvelo, un faccia a faccia e uno scambio più ampio, che come accade sempre tra di noi è stato estremamente diretto e franco".

"Sono molto lucido sulle incomprensioni che possono essersi create tra noi, esistono, anche se l'essenziale non può essere imputato a noi".

"Mi aspetto dalla Russia che rispetti anche i nostri interessi, la nostra sovranità, quella dei nostri partner europei con i quali la nostra solidarietà sarà sempre forte. Abbiamo parlato anche di questo, penso che possiamo andare avanti insieme".

Da parte sua Putin ha affermato:

"La Francia è un nostro partner tradizionale, teniamo ai nostri rapporti e cerchiamo di svilupparli attivamente. Con il presidente manteniamo un dialogo politico molto intenso e scambiamo spesso punti di vista e idee al telefono".

Al Forum economico internazionale di San Pietroburgo, Macron è accompagnato da un'imponente delegazione di imprenditori, a segnalare la volontà di Parigi di continuare a fare affari con Mosca nonostante i rapporti difficili. Giovedì il colosso energetico francese Total ha firmato l'ingresso in un progetto gasiero nell'Artico da 2,5 miliardi di dollari.