Roma, (askanews) - Si avvicinano i Giochi di Rio e il virus Zika continua a far paura. Nonostante le rassicurazioni del Comitato olimpico, di medici ed esperti, molti atleti hanno deciso di dare forfait per la paura di contrarre il virus, mentre alcuni Paesi hanno preferito attrezzarsi con uno specifico kit da dare agli atleti.

E' il caso del Messico, che ha preparato una borsetta per i suoi sportivi in partenza per il Brasile, con un repellente per gli insetti e altri gadget. A fornirla è stato lo stesso ministero della Salute, in accordo con il Comitato olimpico.

Pablo Kuri, ministro della Salute messicano: "In generale Zika è una malattia innocua. Ma 8 su 10 non sanno di essere stati infettati perché non ci sono sintomi precisi. Quindi non esiste un protocollo sicuro che abbiamo potuto preparare in Messico, così come non ce ne sono a livello internazionale". "Il kit che abbiamo dato agli atleti è in una simpatica sacca - ha aggiunto - contiene repellente, che deve essere usato, è l'unico efficace contro le zanzare. Poi c'è un disinfettante per le mani per evitare infezioni e dei preservativi, per evitare la trasmissione sessuale di Zika".